Milano e Sant’Eufemia: un legame storico!

Capita spesso tra le vie di una grande città di ritrovarsi da soli e di pensare a ciò che ci siamo lasciati alle spalle. Questo succede spesso soprattutto a chi ha dovuto lasciare il proprio paesino di provincia in cerca di miglior sorte, per lavoro o per studio. Infatti, anche i più freddi ai ricordi, hanno avuto almeno una volta nostalgia del proprio paese, dei suoi colori, dei suoi profumi, sapori, e perchè no anche dei suoi difetti e dei suoi malanni. Per esempio, l’odore di cucinato e di ragù della domenica mattina,(per me è un respiro unico, che sa’ di buono e di famiglia) mica puoi sentirlo a Milano!?! Tuttavia, la vita ha messo noi meridionali tantissime volte davanti alla scelta di dover andare via, e si sa’ che spesso è dura decidere di rimanere. Ma, è anche vero che ciò che siamo e da dove veniamo ce lo portiamo sempre con noi, nel bene e nel male. E’ proprio per questo che ritrovandomi a Milano, ho scoperto una basilica che mi era sconosciuta. Milano è grandissima ed anche molto affascinante. Il Duomo, i grattacieli, la finanza,la moda, Brera e tantissimo altro. Ma, per chi come me è un Femioto, e per i tanti Femioti che vivono a Milano, potrebbe esserci anche qualcosa di più importante. Infatti, la basilica che ho visitato altro non è che la basilica di Sant’Eufemia di Calcedonia! Proprio la nostra Sant’Eufemia! Sant’Eufemia anche a Milano!

La basilica di Sant'Eufemia a Milano. Fu il vescovo Sant'Abbondio a portare una reliquia di Sant'Eufemia dal concilio di Calcedonia e a fondare la basilica.
La basilica di Sant’Eufemia a Milano. Fu il vescovo Sant’Abbondio a portare una reliquia di Sant’Eufemia dal concilio di Calcedonia e a fondare la basilica.

Io direi Sant’Eufemia soprattutto a Milano e con Milano. Infatti, la storia del nostro paese si intreccia molte volte con quella della città meneghina. Per la prima e decisiva volta, le storie di Milano e di Sant’Eufemia si intrecciano durante la tragedia del sisma del 1908, che devastò Messina e gran parte della provincia di Reggio Calabria, tra cui il nostro paese. Fu in quella tragica occasione che il popolo italiano si seppe unire nel nome della solidarietà e della fratellanza, mettendo da parte i soliti provincialismi sterili. Ad aiutare la popolazione Eufemiese a ripartire dopo il terremoto furono i Milanesi. I Milanesi costruirono baracche di primo soccorso e portarono anche in dono degli Eufemiesi cibo, indumenti e medicine. Il simbolo di questo aiuto, oltre che dello stretto rapporto tra queste due città, è oggi sotto gli occhi di tutti noi, poichè rappresentato dalla nostra chiesa di Sant’Ambrogio, dove custodiamo la Madonna del Monte Carmelo. “A chiesa da chiazza” infatti, come molti paesani sanno, è un dono che ci è stato dato dalla popolazione milanese. Non solo: anche i colori della nostra bandiera, croce rossa in campo bianco, sono stati donati a noi Eufemiesi dalla città di Milano.

Lo stemma della città di Milano.
Lo stemma della città di Milano. 
Lo stemma della nostra città.
Lo stemma della nostra città.

 

 

 

 

 

 

 

 

La storia del rapporto tra Milano e Sant’Eufemia è conosciuta da molti dei nostri paesani, purtroppo quasi da nessuno dei nostri giovani. Sarebbe interessante, anche al fine di far conoscere queste cose che sono parte integrante e fondamentale della nostra storia, proporre ciò che si era già fatto tempo fa con la basilica di Sant’Eufemia di Piacenza, anch’essa legata al culto di Eufemia di Calcedonia. In quella splendida occasione ci fu un bellissimo gemellaggio spirituale tra la nostra comunità parrocchiale e quella piacentina, sigillato anche con la visita a Piacenza di molti Eufemiesi e della nostra statua di Sant’Eufemia. In quell’occasione il gemellaggio fu favorito dalla collaborazione della nostra amministrazione comunale insieme con la nostra parrocchia e il nostro parroco Don Elia. Dunque, è a loro che rivolgo questo invito, al fine non solo di portare ovunque il culto della nostra Patrona Sant’Eufemia, ma anche con lo scopo di suggellare e di rendere omaggio ai profondi e fruttuosi rapporti che riguardano la storia di Milano e quella di Sant’Eufemia, nonchè soprattutto, quelli che riguardano Milanesi ed Eufemiesi. Non so se i tantissimi emigranti Eufemiesi che negli anni hanno lavorato, studiato e vissuto a Milano hanno potuto ripagare in tutto e per tutto ciò che fecero nel 1908 i Milanesi per noi. Forse no o forse si, questo non possiamo saperlo. Tuttavia, ciò che rimane, è una pagina bellissima e fondamentale della nostra storia, che vuole trovare nella nostra proposta un nuovo punto di incontro e di condivisione. Si tratta infatti, di una pagina di storia che merita di essere riproposta, poichè nata e continuata nel segno del rispetto e della solidarietà umana, valori che oggi, forse anche più di ieri, ci servono per costruire e per ripartire. Per ricercare voci, parole, culture, storia. Per creare ponti che ci permettono di guardare all’altro e al futuro con un più fiducia e serenità.

Sant'Eufemia festeggiata a Milano.
Sant’Eufemia festeggiata a Milano.
La nostra meravigliosa "entrata".
La nostra meravigliosa “entrata”. Sant’Eufemia celebrata qua da noi.

Francesco Martino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...