Me patri: u primariju

Sono certa che la semplicità delle mie parole sarà per mio padre un regalo prezioso, ma è un dono che lui stesso ha contribuito a creare, crescendomi e insegnandomi umilmente la ricchezza della vita.
Che queste righe siano da monito ai lamentosi potenti e siano invece sentite come un orgoglioso e fiero elogio da parte di tutti coloro che profumano di sudore e dignità.

U primariju

Ed ora chi parti lu nastru
vi cunt’ a storia di nu figghju diventatu mastru,
chi nesciu nta na famigghja di ddui nnamurati cu tri figghj in portu,
chi pe na vita intera lavuraru nte livar’ e si ccuntentar’ i nu pezzu d’ortu.

A quattordici anni bbandunau la scola mi segu’ a vocazioni
fatta di motori, chiav’ ingrisi e bon’ azioni.
N’omu volenterusu fu iddhu di natura,
non appi mai na testa sciasciata, ma sempri matura.

Lavurau sutta patruni
finu a quandu non bussau a la so porta l’amuri.
Nu matrimoniu si ncarricau
e dui figghj ncoddhu si jutau.

A crisi puru a iddhu colpiu,
ma lu sorrisu e la forza di volontà, me papà, mai perdiu.
Lavura pa so fortuna
senza dari sconzu a nuddu, nta stu pajisi chi tuttu la rovina ottura.

Tanti furu li discipuli chi trovau,
tra cui unu lu me cori urtau e cu lu so sguardu mi ncantau.
“Su sicura ca lu so postu mai poi pigghjari”,
ma se chistu accadi non vi mucciu ca mi dassu assecondari.

È chista la storia du mastru lavuratu,
ch’ill’amici e di parenti variji “Primariju” veni chiamatu.
Mai bastinu sti me paroli
pe interpretari tuttu lu beni e l’amuri chi nta sta vita mi d’apriu lu so cori.

Ora, amici, v’aju a salutari,
iddhu mi spetta attentu e non pozzu cchiu scappari.
Su’ certa ca dopu da lejuta nu baciu mi rrigala,
mentri di so randi occhj na lacrima si ndi cala.

Gresy Luppino

Versione libera in italiano:

Ed ora che parte il nastro/ vi racconto la storia di un figlio fattosi mastro,/ che è nato in una famiglia di due innamorati con tre figli in porto,/ che per una vita intera hanno lavorato negli uliveti e si son accontentati di un pezzo d’orto/. A quattordici anni ha abbandonato la scuola per seguire la vocazione/ fatta di motori, chiavi inglesi e buone azioni./ Un uomo volenteroso è stato lui per natura,/ non è mai stato una testa calda, ma ce l’ha avuta sempre avuto sulle spalle./ Ha lavorato nel solco dei mastri/ fino a quando l’amore non ha bussato alla sua porta./ Si è fatto carico di un matrimonio e si è addossato la responsabilità di due figli./ La crisi ha colpito anche lui, ma il sorriso e la forza di volontà, mio padre, non li ha mai perduti./ Lavora per la sua fortuna/ senza infastidire nessuno, in questo paese ormai alla rovina./ Tanti sono stati i discepoli che ha avuto,/ uno dei quali ha urtato il mio cuore e col suo sguardo mi ha incantato./ “Sono sicura che il suo posto non potrai mai prendere”,/ ma se ciò dovesse accadere non vi nascondo che mi lascerei assecondare./ Questa è la storia del mastro di lavoro/ che dagli amici e dai parenti vari “primario” viene chiamato./ Non basteranno mai queste mie parole/ per interpretare tutto il bene e l’amore che in questa vita mi ha regalato il suo cuore./ Ora, amici, vi devo lasciare/ lui mi aspetta attento e non posso scappare./ Sono certa che dopo aver letto queste parole mi regalerà un bacio/ mentre dai sui grandi occhi una lacrima verrà giù.

Annunci

Un pensiero su “Me patri: u primariju

  1. Complimenti, Gresy, per questi versi…. dolci e sentiti… lasciano il sapore di una speranza. Niente è perduto, fino a quando sapremo riconoscere il valore del lavoro e delle piccole cose, quelle plasmate con sudore e coraggio, quelle che nascono da un riconoscimento… il dono della semplicità è prezioso come la vita…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...